Ultime notizie

04/03/2018

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DELLA SEZIONE DI ACQUI TERME

28/02/2018

LA SEZIONE DI ACQUI TERME AD ISOLA DEL GRANSASSO

27/02/2018

LEGGE n° 124 DEL 4 AGOSTO 2017

In allegato si pubblicano, come richiesto dalla normativa di legge, i contributi ricevuti da enti...

 

La nostra storia

La Sezione di Acqui nasce ufficialmente il 21 ottobre del 1928.

Il "Giornale d'Acqui", nel n. 3 del gennaio 1928, comunicava la notizia che la sede Centrale dell'Associazione Alpini, incaricava il Signor Enrico Villa di Milano, socio fondatore dell’A.N.A, allora Capotecnico alla Vetreria MIVA, di formare una sezione di Alpini. Con l'entusiasmo che è tipico degli Alpini, in breve tempo si formarono i primi Gruppi nei paesi del circondario.

Il gruppo di Ponzone fu inaugurato per primo con una cerimonia il 19 Agosto 1928, seguirono Canelli, Casale, S. Giorgio Monferrato e Costigliole d'Asti.

Ad Acqui gli Alpini non stettero con le mani in mano, e le donne raccolsero la considerevole somma di ben Lire 399 per l’acquisto del Gagliardetto di Sezione. Fu quindi nominato primo presidente di Sezione il Sig. Enrico Villa e il 21 Ottobre dello stesso anno, alla presenza dell'On. Manaresi, Commissario Straordinario del "X° ALPINI", con un grandioso raduno, fu ufficialmente inaugurata la Sezione con la nomina della patronessa signorina Zunino Pierina.

L'anno successivo, il 1929, furono inaugurati i Gruppi di Monastero Bormida e Bubbio, mentre Casale si staccava dalle Sezione di Acqui per diventare essa stessa Sezione, assorbendo il Gruppo di S. Giorgio Monf. La stessa cosa avvenne per il Gruppo di Canelli che divenne Sezione nel 1930, portandosi appresso il Gruppo di Costigliole d'Asti.

Si formarono in seguito i Gruppi di Spigno Monferrato, Ponti, Cartosio e Denice. Intanto il gagliardetto di Sezione poté fregiarsi di un facsimile della Medaglia d'Oro del Tenente Colonnello Luigi Pettinati, donato dalla figlia Laura Auxilia Pettinati, nuova "patronessa" della Sezione.

Nel corso del 1930 il Dott. Ferdinando Zunino, fu nominato Presidente, succedendo così al Sig. Enrico Villa, che lasciava la città di Acqui per trasferimento. Nel 1931 continuarono a formarsi nuovi Gruppi: nacquero così S. Gerolamo, Bistagno, Montabone. Nel 1932 nascono i gruppi di Denice e Molare, mentre ne nasce solo uno nel 1933: Vesime.

Per ultimi, nel 1934 nascono Alice Bel Colle e Novi Piemonte, che viene inaugurato poi nel 1938 con un grande raduno al santuario di Monte Spineto in Valle Scrivia.

 La Sezione fu molto attiva partecipando a tutte le manifestazioni e adunate promosse dall'A.N.A. Purtroppo a partire dal 1936, anche in coincidenza della guerra d'Etiopia, e poi con la seconda guerra mondiale non si hanno più notizie della vita di sezione.

Nel dopoguerra mentre la vita pian piano ricomincia, anche la nostra Associazione riparte e i vertici decidono che la Sede Nazionale torni a Milano dove era nata. A Milano il 20 ottobre 1946, si riuniscono i Dirigenti ed i Presidenti che erano in carica prima della sospensione dell'Associazione per la sua ricostituzione. Gli Alpini Acquesi tardano a muoversi in attesa delle nuove disposizioni emanate dalla riunione di cui sopra, dove la Sezione, salvo tutte le deroghe previste, doveva avere sede nel capoluogo di provincia.

Non essendoci in provincia altre iniziative per costituire una Sezione di Alpini, tutti i gruppi che si costituiscono confluiscono nelle Sezioni limitrofe di Asti Casale Monferrato e Genova. Il 20 ottobre 1946 l'Associazione riprende la sua attività, sono convocati a Milano tutti i Presidenti di Sezione per gettare le basi del futuro dell'Associazione.

Non si hanno notizie di alpini acquesi che partecipano ai lavori. In seguito alle deliberazioni della riunione di Milano, tutte le Sezioni non presenti, sono invitate a nominare un Commissario di gestione fino alla convocazione dell'Assemblea dei Soci per la nomina di un Presidente e di un Consiglio Direttivo. Ad Acqui niente si muove. Nel 1954 nel basso Piemonte e nell'alessandrino ci sono molte iniziative per formare nuovi Gruppi: si ricostituiscono Ponti con capogruppo Alossa Giovanni (1956), Spigno Monferrato capogruppo De Cerchi Nello (1958) e Pareto.

Della sezione di Acqui continuano a non esserci notizie, si sa solo che il gruppo acquese finalmente si ritrova nell’ottobre del 1967 quando viene fondata la Sezione di Alessandria, e la sua storia diventa parte della storia della Sezione di Alessandria, fino a che … il giorno 13 ottobre 2005 il CDN dell’ANA approva la ricostituzione della Sezione di Acqui Terme. L’11 dicembre l’Assemblea straordinaria degli alpini acquesi elegge il nuovo Presidente nella persona di Giancarlo Bosetti, già capogruppo di Acqui Terme, che si getta con grande impegno nel pesante compito di guidare la Sezione.

La rinata Sezione Alpini di Acqui Terme incomincia ad ingrandirsi. Dal territorio assegnatole dal Consiglio Direttivo Nazionale dell’A.N.A., iniziano a confluire i primi gruppi. Alice Belcolle, Cartosio, Cavatore e Morsasco-Orsara B.da, dopo aver fatto le loro annuali riunioni di gruppo decidono di entrare a far parte della Sezione di Acqui Terme. Una conferma in più per la decisione presa di ricostituire la Sezione di Acqui Terme. Da tutte le riunioni emerge che Alessandria non è il centro del nostro territorio, cosa che tra l’altro era già stata appurata in svariate occasioni. Per tutti i gruppi alpini del territorio, la città di Acqui risulta essere punto di riferimento. Il 30 aprile 2006 con una grande festa il Presidente Nazionale Corrado Perona consegna il Vessillo Sezionale alla presenza del Labaro Nazionale.

Il resto è storia dei nostri giorni…

 

Photogallery

 

 

Vessillo e medaglie